English | Italian | Spanish | French | German

Massimo Angelini's Wall

    • Massimo Angelini
      Massimo Angelini posted 1 images

      AMAZON ADDIO

      Ho fatto una riflessione semplice (e ho pensato che alle parole devono corrispondere i fatti, se no le parole sono solo rumore).

      Amazon sta guadagnando una posizione di monopolio mondiale straordinaria e pericolosa: la sua crescita, accompagnata da una progressiva concentrazione e automazione dei processi di distribuzione, sempre più di frequente viene associata:
      - alla chiusura di negozi e librerie, e alla conseguente perdita di posti di lavoro;
      - a una riduzione della qualità del lavoro, sempre più misurato, controllato, malpagato, precario, e meno tutelato;
      - all’elusione della tassazione nei paesi dove opera, compresa l’Italia.
      In questo scenario, chiude il piccolo commercio, si perdono posti di lavoro, si erodono garanzie per quelli che restano, si mette a rischio la posizione dei lavoratori del commercio e della logistica, ma anche quella dei produttori ai quali, in progresso di tempo e crescendo la posizione di monopolio, più facilmente il prezzo di uscita delle merci potrà essere imposto al ribasso. Mentre alcuni si compiacciono dell’efficienza, della comodità e del relativo risparmio – perché è vero che i prodotti inviati attraverso Amazon arrivano presto e spesso sono venduti a un prezzo ribassato – c’è una parte di mondo che diventa più povero, meno tutelato, ricattabile: se a un risparmio di tempo e denaro individuali corrisponde un maggior costo sociale (oltre che personale) in termini di dignità dei lavoratori e posti di lavoro, allora il bilancio è certamente negativo. E lo è per tutti, anche per chi persegue i soli propri interessi individuali, perché una società più povera, in termini economici, morali, di sicurezza è un costo per tutti.
      Per chi voglia approfondire, sulla posizione di monopolio di Amazon e le sue conseguenze, esistono articoli e analisi facilmente reperibili in rete.
      Poiché i monopoli – tutti – generano maggiore povertà, favoriscono la concentrazione dei capitali e contribuiscono ad allargare la forbice che separa una minoranza progressivamente più ridotta e più ricca da una maggioranza più allargata e sempre più povera, proponiamo un gesto di resistenza e di schieramento a partire dalla dissociazione da quello che oggi si presenta come il monopolio in più ampia e rapida espansione e commercialmente più aggressivo: Amazon.

      Per aderire, bastano TRE AZIONI:
      1. Evita di acquistare attraverso Amazon e cancella, per chi l’ha fatta, la tua iscrizione su https://www.amazon.it (e, magari, riscopri i NEGOZI sotto casa e le LIBRERIE indipendenti);
      2. Comunica pubblicamente la tua adesione a questa iniziativa attraverso il sito del quotidiano COMUNE-INFO, così:
      a. vai a https:comune-info.net;
      b. nella pagina di apertura, cerca lo spazio “AmazonAddio”, e qui inserisci semplicemente nome, cognome e email); oppure vai direttamente a https://comune-info.net/2018/04/amazon-addio/
      3. Diffondi l’iniziativa e invita a diffonderla attraverso la posta elettronica e, per chi li usa, i propri profili sui social.

      QUATA AZIONE COLLETTIVA NON INCIDERA' SU UN PROCESSO MONDIALE APPARENTEMENTE INARRESTABILE: MA, INTANTO CHE LA FORESTA BRUCIA, NOI SCEGLIAMO DI GETTARE SULL’INCENDIO LA NOSTRA GOCCIA D’ACQUA, NON PERCHÉ POSSA SPERABILMENTE SPEGNERLO, MA PER DIGNITÀ E TESTIMONIANZA.

      Questa iniziativa è stata condivisa con Paolo Farinella, Maria Pia Corpaci, Davide Capone, Maurizio Pallante, Cristina Parodi, Dafni Ruscetta, Roberto Li Calzi, Claudio Pozzi, Roberto Brioschi, Federica Romano e spero si possano aggiungere in tanti.

      N.b. Chi volesse eventualmente sostenere l’iniziativa, potrà inviare un contributo libero al quotidiano Comune-info, che la ospita sul proprio sito [in https://comune-info.net, cerca “sostieni comune-info”]

    Please help maintain SBW!

    We rely on your ETHICAL SHOPPING at our Marketplace and your DONATIONS via Paypal or via Satispay. See latest Donators.

    Via banktransfer to: Social Business World - Ethic Bank (Banca Etica) - Branch: Ancona (Italy) - IBAN: IT73B0501802600000011519097 - BIC/SWIFT: CCRTIT2T84A

    Consider supporting us now. Thank you!

    Embed this page

    To embed the content of this page on your website/blog, copy the following code and paste it in your website.
    Show embedded page in full layout