English | Italian | Spanish | French | German

Massimo Angelini's Wall

    • Massimo Angelini
      Massimo Angelini posted 1 images

      AMAZON ADDIO

      Ho fatto una riflessione semplice (e ho pensato che alle parole devono corrispondere i fatti, se no le parole sono solo rumore).

      Amazon sta guadagnando una posizione di monopolio mondiale straordinaria e pericolosa: la sua crescita, accompagnata da una progressiva concentrazione e automazione dei processi di distribuzione, sempre più di frequente viene associata:
      - alla chiusura di negozi e librerie, e alla conseguente perdita di posti di lavoro;
      - a una riduzione della qualità del lavoro, sempre più misurato, controllato, malpagato, precario, e meno tutelato;
      - all’elusione della tassazione nei paesi dove opera, compresa l’Italia.
      In questo scenario, chiude il piccolo commercio, si perdono posti di lavoro, si erodono garanzie per quelli che restano, si mette a rischio la posizione dei lavoratori del commercio e della logistica, ma anche quella dei produttori ai quali, in progresso di tempo e crescendo la posizione di monopolio, più facilmente il prezzo di uscita delle merci potrà essere imposto al ribasso. Mentre alcuni si compiacciono dell’efficienza, della comodità e del relativo risparmio – perché è vero che i prodotti inviati attraverso Amazon arrivano presto e spesso sono venduti a un prezzo ribassato – c’è una parte di mondo che diventa più povero, meno tutelato, ricattabile: se a un risparmio di tempo e denaro individuali corrisponde un maggior costo sociale (oltre che personale) in termini di dignità dei lavoratori e posti di lavoro, allora il bilancio è certamente negativo. E lo è per tutti, anche per chi persegue i soli propri interessi individuali, perché una società più povera, in termini economici, morali, di sicurezza è un costo per tutti.
      Per chi voglia approfondire, sulla posizione di monopolio di Amazon e le sue conseguenze, esistono articoli e analisi facilmente reperibili in rete.
      Poiché i monopoli – tutti – generano maggiore povertà, favoriscono la concentrazione dei capitali e contribuiscono ad allargare la forbice che separa una minoranza progressivamente più ridotta e più ricca da una maggioranza più allargata e sempre più povera, proponiamo un gesto di resistenza e di schieramento a partire dalla dissociazione da quello che oggi si presenta come il monopolio in più ampia e rapida espansione e commercialmente più aggressivo: Amazon.

      Per aderire, bastano TRE AZIONI:
      1. Evita di acquistare attraverso Amazon e cancella, per chi l’ha fatta, la tua iscrizione su https://www.amazon.it (e, magari, riscopri i NEGOZI sotto casa e le LIBRERIE indipendenti);
      2. Comunica pubblicamente la tua adesione a questa iniziativa attraverso il sito del quotidiano COMUNE-INFO, così:
      a. vai a https:comune-info.net;
      b. nella pagina di apertura, cerca lo spazio “AmazonAddio”, e qui inserisci semplicemente nome, cognome e email); oppure vai direttamente a https://comune-info.net/2018/04/amazon-addio/
      3. Diffondi l’iniziativa e invita a diffonderla attraverso la posta elettronica e, per chi li usa, i propri profili sui social.

      QUATA AZIONE COLLETTIVA NON INCIDERA' SU UN PROCESSO MONDIALE APPARENTEMENTE INARRESTABILE: MA, INTANTO CHE LA FORESTA BRUCIA, NOI SCEGLIAMO DI GETTARE SULL’INCENDIO LA NOSTRA GOCCIA D’ACQUA, NON PERCHÉ POSSA SPERABILMENTE SPEGNERLO, MA PER DIGNITÀ E TESTIMONIANZA.

      Questa iniziativa è stata condivisa con Paolo Farinella, Maria Pia Corpaci, Davide Capone, Maurizio Pallante, Cristina Parodi, Dafni Ruscetta, Roberto Li Calzi, Claudio Pozzi, Roberto Brioschi, Federica Romano e spero si possano aggiungere in tanti.

      N.b. Chi volesse eventualmente sostenere l’iniziativa, potrà inviare un contributo libero al quotidiano Comune-info, che la ospita sul proprio sito [in https://comune-info.net, cerca “sostieni comune-info”]

      • Massimo Angelini
        Massimo Angelini

        iniziative, riflessioni, libri di Pentàgora (casa editrice dedicata al mondo rurale), appuntamenti sull'Ecologia della parola, sulla terra, le sue sementi, le sue varietà, i suoi abitanti e riabitanti, sull'orientamento spirituale alla bellezza

      Please help maintain SBW!

      We rely on your ETHICAL SHOPPING at our Marketplace and your DONATIONS via Paypal or via Satispay. See latest Donators.

      Via banktransfer to: Social Business World - Ethic Bank (Banca Etica) - Branch: Ancona (Italy) - IBAN: IT73B0501802600000011519097 - BIC/SWIFT: CCRTIT2T84A

      Consider supporting us now. Thank you!

      Embed this page

      To embed the content of this page on your website/blog, copy the following code and paste it in your website.
      Show embedded page in full layout