English | Italian | Spanish | French | German

Questa volta ci abbiamo messo la faccia

foto

Sapete? Vedere tanti video ci ha contagiato. Ci ha fatto venire voglia di provare anche noi a comunicare con immagini e non solo a parole le cose che ci stanno a cuore. Abbiamo voluto avvicinarci a chi ci segue mostrando i nostri volti e facendo sentire le nostre voci.
Sentirete dalle nostre parole che il Con-corso di quest’anno, La scuola che incontra, ha come oggetto l’avvicinamento tra ragazzi nati in Italia e chi  in Italia è sbarcato per cercare un futuro possibile. Sembrerebbe una piccola cosa di scarsa importanza ma, se ci pensiamo, è la prima gioventù  il tempo della nostra vita in cui si forma la coscienza e, con gli stimoli giusti, si possono apprendere le basi fondamentali del vivere civile: solidarietà, accoglienza, rispetto.
Se tutti  avessimo cognizione della sostanziale uguaglianza fra noi e i migranti e conoscessimo le loro storie non si alzerebbero muri, né di mattoni, né di pregiudizi e razzismo, intolleranza e paura non sarebbero una continua, angosciante, minaccia con cui fare i conti.
Durante le feste che hanno ospitato le premiazioni delle due precedenti edizioni dei Con-corsi alcuni di noi hanno incontrato alcuni di voi ed è stato bellissimo! Nonostante non ci fossimo mai visti ci è sembrato di conoscerci da tempo.
Con questo video abbiamo voluto precorrere i tempi, così, quando ci incontreremo, ci riconoscerete da subito!
Abbiamo coinvolto anche amici e parenti perché, come voi, noi amiamo sentirci parte di un insieme con cui condividere le nostre idee. Vedrete che siamo diversi per ambienti e accenti. Chi in campagna, chi in città, viviamo in luoghi molto distanti fra loro,”spalmati” lungo tutta la Penisola.
Non ci capita spesso di essere tutti nello stesso posto, ma ci adoperiamo perché accada almeno un paio di volte all’anno. Facciamo mestieri diversi, ma ognuno di noi, nel proprio ambito, cerca di agire non solo per sé, ma per il bene altrui. Crediamo nella condivisione, nella coralità e nel guardare avanti. Siamo dei sognatori? Degli utopisti? Ne siamo ben felici. Ecco, leggete cosa diceva a questo proposito uno che con l’utopia  è riuscito a dare lavoro a più di 35.000 persone:
Il termine utopia è la maniera più comoda per liquidare quello che non si ha voglia, capacità, o coraggio di fare.
Un sogno sembra un sogno fino a quando non si comincia da qualche parte, solo allora diventa un proposito, cioè qualcosa di infinitamente più grande.
Adriano Olivetti




Original: http://www.lofacciobenecinefest.eu/questa-volta-ci-abbiamo-messo-la-faccia/
By: lofacciobenegdl
Posted: December 12, 2016, 4:40 pm

Related blogs

LETTERA ALLE SCUOLE

LETTERA ALLE SCUOLE

Alla cortese attenzione del Collegio Docenti e...
Integrazione danzante

Integrazione danzante

Vogliamo proporvi un articolo e un video degli...
La festa si fa. E senza fango.

La festa si fa. E senza fango.

Dobbiamo ripeterlo ancora? è tutto confermato:...
Il Cinefest connette

Il Cinefest connette

Cos’hanno in comune la terra e la scuola? Il...

Please help maintain SBW!

We rely on your ETHICAL SHOPPING at our Marketplace and your DONATIONS via Paypal or via Satispay. See latest Donators.

Via banktransfer to: Social Business World - Ethic Bank (Banca Etica) - Branch: Ancona (Italy) - IBAN: IT73B0501802600000011519097 - BIC/SWIFT: CCRTIT2T84A

Consider supporting us now. Thank you!

Embed this page

To embed the content of this page on your website/blog, copy the following code and paste it in your website.
Show embedded page in full layout