English | Italian | Spanish | French | German

Terremoti ed emergenze varie: facciamo qualcosa di economico-solidale?!?

Cari tutt*,

in pochi mesi un'altra emergenza legata al terremoto, in pochi mesi, ancora una volta mi sento (abbastanza) impotente come credo moltissimi di voi: vogliamo attivarci sul serio o no?

Mi scuso se qualcosa è già partito dalle nostre reti, se così fosse evidentemente non ne sono a conoscenza e come me credo tanti altri.

Lo Stato dovrebbe aiutare, anzi deve, ma sappiamo tutti quali sono i tempi soprattutto dei contributi per far ripartire le attività economiche...insostenibili!

Premesso che non sono stato né personalmente, né come impresa ecosol danneggiato, ritengo importantissimo metterci immediatamente in moto come rete di economia solidale, per aiutare produttori e, se serve, gasisti per/con quello che possiamo.

Come? Non lo so, non sono un esperto ma provo a pensare e vi sottopongo queste idee:

  1. creazione (veloce!) di un GdL (possibilmente di esperti di emergenze, ne bastano un paio più uno/due che smanetti/no bene col web) che crei un modulo di segnalazione danni e richiesta aiuto (per es. una combinazione di questo e questo della protezione civile e quello allegato in inglese ma più focalizzati sulle esigenze delle nostre reti) che diventi il nostro standard, riutilizzabile ogni volta che se ne presenterà ahinoi il bisogno;
  2. dal punto 1, creazione e manutenzione di un database nazionale (volendo se ne possono fare anche di regionali ma meglio unirsi), inizialmente anche con strumenti "gratuiti" disponibili online tipo (o proprio) Google Forms;
  3. attivazione di campagne ad hoc per ogni emergenza, dettagliate con i dati di cui sopra. Presto sarà disponibile una funzionalità tutta nostra proprio per questo, finanziata dall'associazione Co-Energia ma nel frattempo è possibile usare strumenti molto semplici tipo pagine con pulsanti "Dona" di paypal o mettere a disposizione CC bancari che facciano da semplice punto di raccolta per destinare poi tutto e solo a quanto finanziato dal basso;
  4. Creazione di un GdL o comitato etico che vigili sulla raccolta, distribuzione e sull'utilizzo dei fondi (in prima battuta la cosa può/dovrebbe essere molto snella, si può fare!);
  5. predisporre e fornire materiali di emergenza (una prima checklist qui)

Signori, qui si fa rete o si muore...fisicamente o economicamente!

Cari saluti

Search, Sort and Filter
  • Michele (@michele)
    By Michele (@michele)

    [allegato momentaneamente rimosso in attesa di delucidazioni degli autori sulle possibilità di libera condivisione e diffusione sul web]

Related blogs

SOS Amatrice: Ripartire dall’economia reale e sostenibile

SOS Amatrice: Ripartire dall’economia reale e sostenibile

Chi e cosa sostenere? Un punto di vista...
Nuove funzionalità: rating e network preferiti su SBW

Nuove funzionalità: rating e network preferiti su SBW

Ciao, credo che sia importante tradurre questo...
Post-terremoto: le risposte dell’economia solidale

Post-terremoto: le risposte dell’economia solidale

Rilanciamo l’ultimo articolo a firma del nostro...
E se attivassimo il crowdfunding (sociale) insieme?

E se attivassimo il crowdfunding (sociale) insieme?

Cari amici, Sperando che le Feste di Natale e...

Please help maintain SBW!

We rely on your ETHICAL SHOPPING at our Marketplace and your DONATIONS via Paypal or via Satispay. See latest Donators.

Via banktransfer to: Social Business World - Ethic Bank (Banca Etica) - Branch: Ancona (Italy) - IBAN: IT73B0501802600000011519097 - BIC/SWIFT: CCRTIT2T84A

Consider supporting us now. Thank you!

Embed this page

To embed the content of this page on your website/blog, copy the following code and paste it in your website.
Show embedded page in full layout