English | Italian | Spanish | French | German

Un weekend in ValSusa per gli Stati Generali del Lavoro tra i terroristi NOTAV di ETINOMIA

Un weekend in ValSusa per gli Stati Generali del Lavoro tra i terroristi NOTAV di ETINOMIA

 

Da tempo volevo andare in ValSusa ad incontrare qualcuno dei NoTav per capire meglio, farmi un'idea personale e non filtrata dai media.

Ho colto l'occasione degli Stati Generali del Lavoro, organizzati da Etinomia.

Molto difficile esprimere quello che ho provato. In breve: una serie di emozioni positive che in Italia non mi è sembrato comune provare negli ultimi (20?) anni.

Arrivo il sabato mattina alle 9:15, partito alle 5 dopo una settimana faticosa trascorsa all'estero per lavoro e terminata il venerdì prima alle 23:30.

Meravigliose montagne, Vaie è li, pronta ad accogliere valsusini e non per parlare di lavoro, ciò che dovrebbe nobilitare l'uomo ma che negli ultimi anni lo domina e preoccupa.

Al banchetto di registrazione già si formano i primi gruppi, ci si conosce, si iniziano a fare le prime presentazioni mentre gli organizzatori registrano i partecipanti tra striscioni e cartelloni colorati, belli, arcobaleno, che sanno di pace, di comunità, di calore umano.


Il mio tavolo, il 5, dedicato al ruolo sociale delle imprese e della cooperazione è proprio nell'edificio retrostante, la palestra, che come tutti gli altri è stata messa a disposizione, gratuitamente, dall'amministrazione pubblica in queste zone molto vicina ai cittadini (che strano eh? Anche a questo forse non siamo tanto abituati...).

Sedie disposte in cerchio, schermi e portatili pronti - o quasi...vorrei capire come mai i software di presentazione causano problemi e difficoltà proprio quando devono assolvere alla loro funzione :) - a condividere contenuti ed approfondimenti multimediali.

Giro (ufficiale) di presentazioni...e già ci si inizia a 'scaldare', a sentire l'energia positiva per la presenza di soggetti anche molto diversi tra loro (associazioni, studenti, imprese, ONG, Onlus,..) tutti pronti a confrontarsi civilmente e democraticamente sul tema caro a tutti, oggetto del tavolo.

La mattinata trascorre densa di contributi ed idee concrete per proporre agli amministratori locali e nazionali un documento di sintesi no frills, senza orpelli, chiaro su ciò che ci si aspetta da quanti ci governano e si propone loro per nuovi modelli da applicare al mondo del lavoro, dell'impresa.

Pranzo: momento conviviale di approfondimento esperienze personali e maggiore conoscenza reciproca. Qui, a qualsiasi persona mediamente sensibile, sono ormai evidenti le "scintille", l'aria e la buona pizza fanno da conduttori alle idee, alla curiosità, alle ora più evidenti possibilità di collaborazione tra i vari soggetti.

Un'economia che metta l'essere umano al centro non solo si può sognare: è possibile!

Con il contributo di tutti, a partire da quelli che....volevano i primi o i secondi ma...c'è solo la pizza...quindi...cosa ordinate?

Il pomeriggio si riprende, ancora lavoro, ciclo dei rifiuti e problema del recupero dei crediti in Italia...fino alle 20 e molti vorrebbero anche continuare, quasi si fa a gara tra i tavoli a chi va a cena più tardi, salvo poi un fremito che ti ricorda che....chi ultimo arriva male alloggia...ed in fondo...siamo italiani...si continua a chiacchierare a tavola e gli amici dall'estero certo non si oppongono! (il tavolo n°1 sembra però battere il 5...si 'scioglie' qualche minuto dopo, chissà, avranno avuto qualche panino?)

La cena serve per rimescolarci, si cambiano i posti a sedere, ci si confronta con altre persone e poi tutti di nuovo in palestra per uno spettacolo che mi dicono poi la mattina dopo essere stato toccante, commovente. Non ce l'ho fatta, dovevo dormire per affrontare la mattina successiva sperando di riuscire a dare qualche (altro?) contributo utile...

Notte in B&B Luna Verdiana dove mi accolgono con grande gentilezza ed inizio a pensare di trasferirmi in Valsusa...

Domenica, ultimi ritocchi ai documenti di sintesi dei relatori dei singoli tavoli che la sera prima hanno anche lavorato fino a tardi per le stesure, resoconto all'assemblea plenaria  e...i saluti iniziano.

Purtroppo ci si saluta, tra abbracci che sanno di 'a presto' e qualche lacrima a sottolineare il 'che bello esserci conosciuti e trovati'...ecco, questo è stato il mio weekend anarco-insurrezionalista NOTAV...e tutti quelli che ho conosciuto mi sono sembrati pericolosamente sinceri, umani, democratici, civili...si, ho temuto per la mia incolumità ;)

Un caro saluto, un altro abbraccio a tutti i nuovi amici di Etinomia, Katia, Claudio, Bruno, Riccardo, Walter e le ragazze di MAG4, a presto!

Michele

Alcuni link correlati:

Qui lo Storify di SBW Italia
Qui alcune foto
Qui il post di segnalazione della nostra Eleonora

Per i miei tweet in diretta da @michelepaolini ho usato gli hash: #sgl #etinomia #benicomuni

 

Related blogs

Few hours left for a productive Christmas' Gift

Few hours left for a productive Christmas' Gift

Dear SBWers, few hours left to the end of our...
Buone previsioni per il 2013

Buone previsioni per il 2013

Carissimi amici del Gruppo Italia, vi scrivo per...
Social Entrepreneur of the Year, contest by Schwab Foundation

Social Entrepreneur of the Year, contest by Schwab Foundation

This post is just to remind you of the famous and...
Ultime ore per un regalo di Natale produttivo

Ultime ore per un regalo di Natale produttivo

Ciao, mancano poche ore alla fine della nostra...

Please help maintain SBW!

We rely on your ETHICAL SHOPPING at our Marketplace and your DONATIONS via Paypal or via Satispay. See latest Donators.

Via banktransfer to: Social Business World - Ethic Bank (Banca Etica) - Branch: Ancona (Italy) - IBAN: IT73B0501802600000011519097 - BIC/SWIFT: CCRTIT2T84A

Consider supporting us now. Thank you!

Embed this page

To embed the content of this page on your website/blog, copy the following code and paste it in your website.
Show embedded page in full layout